Studio SVS: sobrietà architettonica dal Design innovativo…

LogoSVS

STUDIOSVS nasce nel maggio del 2012, unendo l’esperienza dell’Arch.Sofia Bedynski, dell’Arch.Viola Caldarella e dell’Arch.Stilla Graf. Lo studio si occupa di progettazione architettonica, progettazione urbanistica, grafica e design. La filosofia di STUDIOSVS si esprime in queste semplici righe:

‘Noi, figli degli anni ottanta, siamo diventati adulti nel mondo del più alto, del più veloce, del più grande… dell’idea che l’unico futuro sarebbe stato quello della crescita senza fine. La generazione dei 50enni tutt’ora è convita che arriveranno tempi migliori, al contrario la nostra generazione che per prima ha capito il significato della precarietà, ha realizzato da tanto che la filosofia del “di più” è morta. Quando i nostri maestri parlavano di “Bigness” noi abbiamo scoperto che l’unico modo di andare avanti è quello di fermarsi. Il concetto di Archistar è morto come è morta la musicassetta, il postmoderno è finito. Ogni idea progettuale basata su un capriccio creativo non può più appartenere a questi tempi nè al futuro. L’ eccesso e l’usa e getta non possono coesistere nè con la sostenibilità nè con il risparmio e nemmeno con la nuova consapevolezza globale. Vogliamo rappresentare una sobrietà architettonica alternativa che sia consapevole, misurata e viva.’

PAESINO2

L’oggetto che Studio SVS ha deciso di presentare al Fuorisalone 2013 organizzato da CNA presso la sua sede in Via Savona, 52 descrive ‘Un pezzo dell’alto adige a casa’. L’oggetto,nato dalla collaborazione tra artigiani locali e giovani designer, rappresenta la ricerca di modernità all’interno di un contesto tradizionale. Vincitore del concorso promosso dal portale ‘Open Innovation Alto Adige’ per la creazione di un souvenir in legno che rappresenti la cultura locale dei paesaggi alto-atesini, questa creazione è moderna ed originale, costituita da materiali  naturali e dal design semplice e innovativo.

PAESINO

Annunci

Chorus Design Group: Design e oggetti visionari…

In un contesto creativo dedicato al rapporto tra design e artigianato, ChorusDesignGroup partecipa all’evento FuoriSaloneSavona52, organizzato dal CNA, la Casa delle imprese Artigiane di Milano – Monza Brianza, con la seduta per esterni Paolo.a. Oggetto visionario, portavoce d’istanze avvertite come attuali dal gruppo, da sempre vicino alla tematica della sostenibilità intesa in senso lato – sostenibilità urbana, ecologica, sociale – Paolo.a si integra naturalmente nell’iniziativa del CNA, mossa a promuovere il design inteso come “Evoluzione dell’artigianato nella contemporaneità, finalizzato a dare spazio a quel lavoro artigiano che, insieme all’innovazione e alla tecnologia, ha radici nella tradizione, ma si apre alle sfide estetiche del futuro”.

Realizzata in DuPont™ Corian® e acciaio inox nel 2006 da Andreoli Srl., storica azienda di Milano specializzata nella lavorazione di DuPontTM Corian®, Paolo.a é una seduta per esterni con luce incorporata,nata dalla ricerca del CDG sul tema della Stanza Urbana.

PAOLOA-FOTO1

La Stanza Urbana, definizione inedita con cui il gruppo indica il contenitore tematico d’indagine degli scenari socio-urbani e degli spazi metropolitani, é uno spazio meta-progettuale di osservazione della città, teatro delle azioni quotidiane, crocevia di flussi. E’ il luogo in cui riappropriarsi degli spazi esterni. Perché Paolo.a? Perché Paolo e Paola siamo tutti noi, espressione di una socialità sempre più confinata negli ambiti dello spazio privato, anziché vissuta nella dimensione urbana. E’ un oggetto che denuncia un disagio comune, proponendo un cambiamento, un’apertura, un’inversione di tendenza.

4267_1151051777340_1259005874_424776_8146546_n

La panca Paolo.a esordisce alla IX° edizione del Salone Satellite (Aprile 2006) e viene selezionata da Matteo Ragni, art director per la mostra I have a dream organizzata da Andreoli nel 2007. Successivamente riscuote sempre più consensi partecipando a svariate manifestazioni del settore design e outdoor: SUNLAB2008, concorso internazionale di arredi outdoor, rivolto ai giovani designer emergenti under 35 con esposizione alla fiera SUN a Rimini, Fuori Salone Designerblocks (2008), OUTentico 2009 e Kontaminazione (2010) con un’installazione audio-video e nel 2011 viene scelta dal marchio spagnolo MANGO come oggetto immagine per l’allestimento della vetrina durante la settimana del design milanese nel Flagshipstore appena inaugurato in corso Vittorio Emanuele 24-28.

Vanzo Ferro Battuto

High Noon
Designer: Takuda Matsuda
Artigiano: Vanzo Ferro Battuto e Sartori Marmi

High Noon è uno specchio in marmo e acciaio inossidabile costituito da due forme primitive, che possono essere regolate in  diverse posizioni.

high noon

Grazioso specchietto trafitto da un sottile cono di marmo; la diversa inclinazione di questo piccolo disco gli permette di accostarsi in maniera insolita ma complementare. Attira l’attenzione che poi timidamente restituisce. Progettato dal designer giapponese Takuya Matsuda.

 

 

 

Lideo: l’ambiente deve rispecchiare chi lo vive…

L’azienda LideoArreda è stata fondata dai nostri genitori negli anni ’70 e i tre figli che ne sono entrati a far parte dopo aver completato gli studi, l’hanno rilevata nel 2010.

lideo 1

L’attività è iniziata in modo molto naturale quasi per gioco poiché i nostri genitori ci coinvolgevano fin da piccoli spiegandoci il perché dei colori e i profumi dei legni e tanti particolari che fanno parte di questo mestiere.

lideo

LideoArreda si occupa in prevalenza di arredamento per interni, ma può soddisfare l’arredamento anche  per uffici o per esterni.

lideo 3

Il pezzo forte di questa azienda è la personalizzazione del prodotto realizzato nei  diversi materiali presenti sul mercato con le lavorazioni più adatte alla sua valorizzazione, mentre il nostro modus operandi mette al primo posto la soddisfazione del cliente, applicando tutte le risorse necessarie al fine dell’ottenimento.

Quello che noi vogliamo comunicare è che L’ambiente deve rispecchiare l’anima di chi lo vive.

lideo 4

Se parliamo di commercio e visibilità all’estero, l’ azienda ha già lavorato con Svizzera, Francia e Germania, ma nell’ottica di internazionalizzazione è aperta a diversi mercati.

lideo 5

Ciò che ci auguriamo partecipando a questo evento è quello di avere maggiore visibilità in un contesto comune a diverse categorie.

Rodighiero: il Design supera i limiti…Il concetto di standard non esiste…

logo 2

Lo studio Rodighiero Associati era inizialmente una società di servizi e consulenze nel 1996. L’esperienza e la professionalità trentennale di Giovanni Rodighiero, unita alla competenza e al giovane talento dell’architetto Massimo Rodighiero e del designer Francesco Rodighiero, ha consentito allo studio di ottenere, nel tempo, importanti riconoscimenti e recensioni sino a farne una realtà affermata nel campo della progettazione.

Tra i vari prodotti elaborati, si trovano due eccellenze:

La prima è Flight, un lavabo dalla straordinaria portata innovativa nel mondo del Bathroom Design che grazie a un design accessibile e contemporaneo è in grado di rispondere alle esigenze di tutti, ideale per ambienti fruibili anche da persone con disabilità motorie. Finalmente si volta pagina per considerare la disabilità come normalità mediante uno stile moderno che rivoluziona la vecchia estetica dei bagni per disabili, per dire addio per sempre alle discriminazioni. Flight è la dimostrazione di come il Design for All conquisti finalmente un posto di prestigio nel panorama nazionale e internazionale. Questo progetto rappresenta il perfetto connubio fra design esclusivo e straordinaria innovazione che consente di andare oltre le barriere, per rendere agevole e semplice l’utilizzo a tutti e in particolare alle persone con difficoltà motorie.

La seconda,che lo studio mostrerà al Fuorisalone 2013, anch’esso appartenente alla schiera degli oggetti dal design innovativo, è Dondò, un dondolo per bambini dal design ricercato. É una figura da leggere, forse una lumaca o una farfalla. C’è quindi spazio per l’interpretazione che dialoga con il concetto di riparo, casa, rifugio. La protezione, o lo spazio nello spazio (possibilmente personale), è un elemento spesso presente nei giochi per bambini.

05_dondo_dondolo_designmood_design_studio_rodighiero_associati

 

04_dondo_dondolo_designmood_design_studio_rodighiero_associati

La Fucina di Efesto: tradizione, creatività e design moderno

efesto 1

Iocus Mundi è costituita interamente da cerchi metallici concentrici. La parte superiore, rappresentante i poli, l’equatore, l’eclittica, i meridiani e i paralleli, è realizzata attraverso la simbologia dei pianeti e dello zodiaco in ferro e ottone intarsiati.

In particolare la sfera armillare della Fucina di Efesto evoca la precessione degli equinozi, movimento della Terra di re-orientamento dell’asse di rotazione rispetto alla sfera ideale delle stelle fisse.

L’opera è il risultato tangibile del processo scultoreo contemporaneo della Fucina di Efesto, inteso come indagine tecnica e creativa applicata al metallo e in particolare al ferro.

CIMG5066

Iocus Mundi è stata realizzata mediante tecniche tradizionali quali l‘intarsio e la forgiatura e grazie ad applicazioni innovative che si avvalgono del taglio laser e della progettazione cad.

_FAB3533

La scultura de La Fucina di Efesto, realizzata esclusivamente in ferro, trova il suo coronamento dall’incontro delle tecniche tradizionali con le applicazioni intimistiche e innovative, attente a dialogare e reinterpretare la natura del ferro. Sono proprio le caratteristiche fisiche di questa materia così potenzialmente espressiva ad incontrare sin dagli albori, il fuoco, l’elemento trasformatore. La loro alchimia, la loro poetica, continuano ancora oggi a suggerire e ispirare la “mano dell’artigiano”.

Casaroma: Fragranze che evocano piccole e grandi emozioni…

casaroma_logo

CASAROMA nasce nel 1999 dal mio desiderio di trasferire in oggetti profumati la geografia della mia memoria e la tradizione artigianale italiana. Ritengo che il profumo per ambiente sia un elemento di arredo che esprime la personalità e le emozioni di chi vive quell’ambiente, soprattutto se, oltre l’olfatto, si mettono in gioco anche altri sensi, come il tatto e la vista.

Il mio obiettivo era ed è creare prodotti artigianali, semplici nella loro ricercatezza. Un oggetto ed un profumo uniti possono, attraverso il gioco del tatto e il ritmo dell’olfatto, far riaffiorare ricordi, far rivivere emozioni, far prendere vita ai sogni. Il nostro abitare è fatto di spazi, di colori di sensazioni tattili e di odori.

CasaAroma 046

Nei primi anni della mia attività, oltre ai sacchetti e cuscini e agli animaletti profumati, mi sono dedicata alla creazione di originali e unici pot pourri. Il processo di produzione avveniva tutto all’interno del mio laboratorio e andava dall’essicazione dei materiali base (arance, limoni, rose, fiori, frutti, bacche, ecc.) alla creazione delle composizioni profumate; il risultato erano pot pourri dai colori naturali che trasportavano tra gli agrumi solari e nel ligure bosco autunnale, nei profumi della macchia mediterranea e in un prato fiorito.

Attualmente non creo più tali prodotti soprattutto perché c’è stata nel corso degli anni un’evoluzione e un cambiamento nelle modalità di profumare la casa ma anche perché tali prodotti avrebbero avuto un prezzo troppo elevato, tenuto conto dell’impegno e della quantità di tempo richiesti per la loro produzione.

CasaAroma 090

Considerando l’evoluzione del gusto e dei consumi del pubblico in questi ultimi anni mi sono particolarmente dedicata alla creazione di nuove fragranze e alla loro modalità di diffusione con il conseguente inserimento nel 2009 di una linea di spray e con la creazione della linea di diffusori “La gioia del ricordo”.

Sono sempre presenti gli oggetti in tessuto in forma di animale, che anzi sono diventati più numerosi nel corso del tempo: dalla prima famiglia degli Orsi (anno di creazione 2000), ai Gatti (anno di creazione 2006), alle Papere (anno di creazione 2008), per arrivare ai Dinosauri (anno di creazione 2013).

CasaAroma 088

Inoltre nel 2010 ho creato un nuovo sacchetto, sempre in tessuto di puro lino e nastro di raso, che contiene una fibra vegetale profumata e che può essere utilizzato per armadi, cassetti, valige e anche per l’auto.

CasaAroma 093

Questo sacchetto sta diventando il “pezzo forte” delle mie collezioni, in quanto il profumo ha una lunga durata, per cui, tenuto conto del rapporto qualità/prezzo, viene acquistato dal consumatore finale per proprio uso e non solo come idea regalo.

Per questo articolo utilizzo una tecnica nuova: il materiale vegetale, sotto forma di granetti, viene lasciato in macerazione nella fragranza pura, successivamente una certa quantità viene sigillata in un sacchetto trasparente che a sua volta viene inserito nel sacchetto di lino.

CasaAroma-SACCHETTO FIBRA VEGETALE

Il sacchetto va forato in più punti per permettere un maggior rilascio della fragranza, quanto più verrà forato tanto più il profumo sarà intenso.