Studio SVS: sobrietà architettonica dal Design innovativo…

LogoSVS

STUDIOSVS nasce nel maggio del 2012, unendo l’esperienza dell’Arch.Sofia Bedynski, dell’Arch.Viola Caldarella e dell’Arch.Stilla Graf. Lo studio si occupa di progettazione architettonica, progettazione urbanistica, grafica e design. La filosofia di STUDIOSVS si esprime in queste semplici righe:

‘Noi, figli degli anni ottanta, siamo diventati adulti nel mondo del più alto, del più veloce, del più grande… dell’idea che l’unico futuro sarebbe stato quello della crescita senza fine. La generazione dei 50enni tutt’ora è convita che arriveranno tempi migliori, al contrario la nostra generazione che per prima ha capito il significato della precarietà, ha realizzato da tanto che la filosofia del “di più” è morta. Quando i nostri maestri parlavano di “Bigness” noi abbiamo scoperto che l’unico modo di andare avanti è quello di fermarsi. Il concetto di Archistar è morto come è morta la musicassetta, il postmoderno è finito. Ogni idea progettuale basata su un capriccio creativo non può più appartenere a questi tempi nè al futuro. L’ eccesso e l’usa e getta non possono coesistere nè con la sostenibilità nè con il risparmio e nemmeno con la nuova consapevolezza globale. Vogliamo rappresentare una sobrietà architettonica alternativa che sia consapevole, misurata e viva.’

PAESINO2

L’oggetto che Studio SVS ha deciso di presentare al Fuorisalone 2013 organizzato da CNA presso la sua sede in Via Savona, 52 descrive ‘Un pezzo dell’alto adige a casa’. L’oggetto,nato dalla collaborazione tra artigiani locali e giovani designer, rappresenta la ricerca di modernità all’interno di un contesto tradizionale. Vincitore del concorso promosso dal portale ‘Open Innovation Alto Adige’ per la creazione di un souvenir in legno che rappresenti la cultura locale dei paesaggi alto-atesini, questa creazione è moderna ed originale, costituita da materiali  naturali e dal design semplice e innovativo.

PAESINO

Annunci

Chorus Design Group: Design e oggetti visionari…

In un contesto creativo dedicato al rapporto tra design e artigianato, ChorusDesignGroup partecipa all’evento FuoriSaloneSavona52, organizzato dal CNA, la Casa delle imprese Artigiane di Milano – Monza Brianza, con la seduta per esterni Paolo.a. Oggetto visionario, portavoce d’istanze avvertite come attuali dal gruppo, da sempre vicino alla tematica della sostenibilità intesa in senso lato – sostenibilità urbana, ecologica, sociale – Paolo.a si integra naturalmente nell’iniziativa del CNA, mossa a promuovere il design inteso come “Evoluzione dell’artigianato nella contemporaneità, finalizzato a dare spazio a quel lavoro artigiano che, insieme all’innovazione e alla tecnologia, ha radici nella tradizione, ma si apre alle sfide estetiche del futuro”.

Realizzata in DuPont™ Corian® e acciaio inox nel 2006 da Andreoli Srl., storica azienda di Milano specializzata nella lavorazione di DuPontTM Corian®, Paolo.a é una seduta per esterni con luce incorporata,nata dalla ricerca del CDG sul tema della Stanza Urbana.

PAOLOA-FOTO1

La Stanza Urbana, definizione inedita con cui il gruppo indica il contenitore tematico d’indagine degli scenari socio-urbani e degli spazi metropolitani, é uno spazio meta-progettuale di osservazione della città, teatro delle azioni quotidiane, crocevia di flussi. E’ il luogo in cui riappropriarsi degli spazi esterni. Perché Paolo.a? Perché Paolo e Paola siamo tutti noi, espressione di una socialità sempre più confinata negli ambiti dello spazio privato, anziché vissuta nella dimensione urbana. E’ un oggetto che denuncia un disagio comune, proponendo un cambiamento, un’apertura, un’inversione di tendenza.

4267_1151051777340_1259005874_424776_8146546_n

La panca Paolo.a esordisce alla IX° edizione del Salone Satellite (Aprile 2006) e viene selezionata da Matteo Ragni, art director per la mostra I have a dream organizzata da Andreoli nel 2007. Successivamente riscuote sempre più consensi partecipando a svariate manifestazioni del settore design e outdoor: SUNLAB2008, concorso internazionale di arredi outdoor, rivolto ai giovani designer emergenti under 35 con esposizione alla fiera SUN a Rimini, Fuori Salone Designerblocks (2008), OUTentico 2009 e Kontaminazione (2010) con un’installazione audio-video e nel 2011 viene scelta dal marchio spagnolo MANGO come oggetto immagine per l’allestimento della vetrina durante la settimana del design milanese nel Flagshipstore appena inaugurato in corso Vittorio Emanuele 24-28.

Elena Catanese: il mio lavoro come un gioco a cui dedico molta attenzione…

Elena Catanese inizia il suo percorso come restauratrice di affreschi in edifici storici e chiese.

Dopo anni di stucchi , dorature ed intonaci,la tecnica non è più sufficiente a soddisfare la sua intensa voglia di conoscere e affascinata dalle vetrate a piombo ,sue compagne di altezze nelle chiese, così si avvicina all’uso del  vetro utilizzandolo come materia di espressione.

il paradiso

Elena riesce a plasmare questo materiale apparentemente freddo che se portato ad alte temperature riesce a essere modificato. Lei trama appunto , riuscendo a costruire incantevoli giochi di fili incrociati con cadenza matematica di un tessitore di Tartan scozzese.

Con la medesima tecnica trama e ordisce tutto l’immaginato….

É curioso come nel suo lavororiaffiorino i suoi  studi e nei suoi giochi d’incroci si scorge una traccia a lei familiare; le tracce lasciate sulle pareti,  nelle ore trascorse nel “clolieu” di Arno Stern, suo maestro  nello studio della “formulazione” di cui ne diventerà  “praticien”.

lui

Del suo lavoro scrive:” Il mio è puramente un gioco al quale dedico attenzione e dal quale traggo emozione

Vanzo Ferro Battuto

High Noon
Designer: Takuda Matsuda
Artigiano: Vanzo Ferro Battuto e Sartori Marmi

High Noon è uno specchio in marmo e acciaio inossidabile costituito da due forme primitive, che possono essere regolate in  diverse posizioni.

high noon

Grazioso specchietto trafitto da un sottile cono di marmo; la diversa inclinazione di questo piccolo disco gli permette di accostarsi in maniera insolita ma complementare. Attira l’attenzione che poi timidamente restituisce. Progettato dal designer giapponese Takuya Matsuda.

 

 

 

Sartori Ceramiche: Come la ceramica ingloba il Design

Light box
Designer: Alberto caiola
Artigiano: Cesare e Vania sartori

Le luci da terra, le luci indirette, generano un’atmosfera particolare: intima e misteriosa. Il designer Alberto Caiola si è ispirato proprio alla fascinazione di queste luci per realizzare Light Box: un progetto che combina una lampada e un tavolino insieme ed è caratterizzato da due differenti finiture, quella naturale della terraglia e quella colorata degli smalti.

light box 1

Questo oggetto ibrido diffonde la luce dall’interno, nascondendo la tecnologia touch dimmer, che consente di dosare l’intensità della luce, e riflettendo il colore della superficie smaltata.

Il progetto è stato realizzato con la collaborazione dei ceramisti Cesare e Vania Sartori che hanno fornito indicazioni molto preziose sulla realizzazione del prodotto, considerate anche le esigenze strutturali (tavolino). Tecniche molto antiche, come quelle della lavorazione ceramica, vengono reinterpretate per realizzare un progetto dallo sguardo contemporaneo.

Raku
Designer: Vania sartori
Artigiano: sartori ceramiche

Vasi e vassoi, fruttiere e piatti e scodelle e coppe e calici… Il tornio modella le curve, forme essenziali, eleganti, antiche. I colori le riempiono di vita: i colori caldi della terra disegnano spirali o cerchi concentrici; i colori intensi del mare racchiusi nel vetro giocano a contrasto con la materia prima; toni lievissimi di verde e d’azzurro, quasi trasparenti, evocano atmosfere orientali.
L’arte è – e deve essere – nel quotidiano, perché la bellezza di cui ci circondiamo non può che renderci migliori.

Ceramiche sartori

Sartori Marmi: Marmo, Design e non solo…

Heavy Light
Designer: Matteo zorzenoni
Artigiano: Ermenegildo sartori

Heavy Light è una lampada realizzata in marmo pentelico o rosa Portogallo presentata in due versioni, una verticale e l’altra orizzontale. Il bordo scavato finemente permette alla luce di trasparire dal marmo, creando particolari effetti luminosi. Il designer Matteo Zorzenoni si è posto l’obiettivo di rendere leggero e morbido un materiale rigido e pesante come il marmo. Da questo concetto è nata la linea di lampade Heavy Light. Il contributo dell’artigiano, Ermenegildo Sartori, è stato fondamentale fin dalla progettazione: grazie alla sua esperienza e alla sua guida il designer è riuscito a calibrare correttamente spessori e finiture e a tenere conto di eventuali limiti in fase di lavorazione. La realizzazione del progetto ha visto la combinazione sia di tecnologie a controllo numerico (per la sgrossatura) sia di lavorazioni artigianali a mano (per le finiture). Proprio grazie alla combinazione tra le competenze dell’artigiano e la creatività del designer è stato possibile trasformare un materiale antico e “pesante” come il marmo in chiave contemporanea, con linee moderne e morbide, valorizzandone la preziosità. Il progetto è stata selezionato al MACEF 2011, all’IED Exibition Madrid 2011, pubblicato in «Case da Abitare» nella sezione Supernatural (maggio 2011), e ne «Il Corriere della Sera» nell’inserto speciale Salone del mobile – Case da Abitare “talenti italiani” (aprile 2011).

prova 1

 

Crystal ball
Designer: Matteo Zorzenoni
Artigiano: Sartori Marmi e Myver

crystal ball 1

Gli opposti si attraggono, dunque nulla è più gradevole allo sguardo dell’accostamento tra il pesante marmo e la leggerezza del vetro. E’ da questa contrapposizione che nasce Crystal Ball, la collezione di vasi a opera del designer Matteo Zorzenoni, che ha collaborato con Myver di Pietro Viero e Sartori Marmi per la realizzazione delle sfere di vetro e della base in marmo. La freschezza di queste opere ne rende perfetto il collocamento in ogni tipo di interno.

crystal ball 2

 

La salina
Designer: Giorgia Zanellato e
 Daniele Bortotto
Artigiano: Sartori Marmi

L’azione dell’acqua e della salsedine sui marmi presenti a Venezia, dalle scalinate ai colonnati, viene riprodotta su questa lampada da tavolo, realizzata in marmo dallo spessore estremamente ridotto. L’azione della macchina che dà forma all’oggetto viene alternata all’abile mano dell’artigiano. La particolare texture viene ancor più enfatizzata una volta accesa la sorgente luminosa LED alloggiata all’interno. Proprio come avviene con l’ azione dell’acqua, il marmo viene abilmente lavorato e intaccato alla base, per riproporre quell’irregolarità data normalmente dall’azione erosiva della salsedine. Via via salendo, il marmo si fa sempre più liscio e levigato, arrivando alla parte superiore della lampada completamente intaccato.

salina 2            salina

 

 

Myver di Pietro Viero: I vetri, una passione…

WIRE
Designer: Matteo zorzenoni
Artigiano: Pietro viero (myver)

Wire nasce dalla volontà esplicita di valorizzare la grande qualità del lavoro artigianale. Il designer Matteo Zorzenoni dopo alcuni incontri con Piero Viero è rimasto colpito dalla sua grande abilità manuale. E da qui è partito per progettare Wire, concentrando la propria attenzione su elementi di decoro nella lavorazione del vetro: i tondini, cilindri di vetro che spesso Viero usa per abbellire i propri prodotti dopo averli soffiati.

L’intenzione del designer è di trasformare i tondini in un elemento strutturale del progetto per la realizzazione di oggetti tridimensionali di forme diverse.

wire

Il risultato è una collezione di complementi d’arredo che ricorda una griglia architettonica trasparente in grado di offrire una grande leggerezza. I tondini che singolarmente risulterebbero fragili, una volta saldati, diventano tralicci resistenti che possono creare molteplici prodotti. Per realizzare queste architetture di vetro è necessaria una grande abilità manuale, perché i singoli pezzi di vetro vanno saldati a mano uno per uno. Abilità che sarebbe impossibile riprodurre con la stessa qualità a livello industriale. Il ruolo di Viero è stato fondamentale, infatti solo grazie alla sua capacità e alla decennale esperienza si potevano ottenere lavorazioni così complesse.

wire3

Il progetto è stato selezionato e presentato al MACEF 2011, selezionato dalla rivista «Interni» per il numero speciale sul Salone del Mobile nella sezione realizzazioni in vetro.

 

SHINE
Designer: Merel Karhof
Artigiano: Pietro Viero (Myver)

Da settembre 2009 le lampade a incandescenza sono fuori mercato. E con loro anche la possibilità di disporre di luci colorate. Con molta nostalgia per un passato ormai archiviato, la designer Merel Karhof ha ideato delle lampade in pyrex esaltando la trasparenza e il colore di questo materiale. L’intento è di coprire la plastica delle lampade a basso consumo e fare emergere la bellezza della luce attraverso il vetro. Anche il filo elettrico è stato ricoperto da un intrecciato di seta che nei colori si sposa perfettamente con quelli della lampada.

vetro

Il progetto è stato sviluppato in collaborazione con l’artigiano del vetro, Pietro Viero, che ha realizzato con la tecnica della soffiatura i due elementi (lo stelo e l’applique) che compongono la lampada e che si incastrano l’uno sull’altro, senza giunture o saldature. Proprio al lavoro comune tra la designer e l’artigiano si deve la scelta del colore finale della lampada: il blu. Infatti, dopo numerose prove fatte soffiando colori scuri si è notato come il blu fosse allo stesso tempo coprente e uniforme per nascondere il bulbo della lampada a basso consumo.